Ti trovi qui: Home » Tutela dei consumatori » Giustizia » Giudice di pace

Giudice di pace

Giudice di pace
Il Giudice di Pace è un magistrato onorario che, a partire dal 1° maggio 1995, ha sostituito il Giudice conciliatore, estendendo rispetto a quest’ultimo le competenze e gli interventi per quanto concerne le procedure civili e, dal 2002, ha acquisito anche competenze relative alle procedure penali. Il Giudice di Pace è soggetto a responsabilità disciplinale e deve sottostare ai doveri stabili per i magistrati, nonostante non sia un magistrato di carriera e, quindi, non abbia un rapporto di impiego con lo Stato.

I cittadini possono rivolgersi al Giudice di Pace per:
  • Cause inerenti beni mobili del valore non superiore i 2582,28 euro

  • Cause per apposizione di termini (ad esempio per rendere evidente la linea di demarcazione tra due terreni, qualora i confini fossero certi e riconosciuti mediante atti scritti)

  • Cause relative al rispetto delle distanze di alberi e siepi (qualora il vicino di casa avesse rami che sporgono nella proprietà o non rispettasse le distanze stabilite dalla legge per piante e siepi)
  • Cause inerenti il riconoscimento di danni prodotti dalla circolazione di veicoli entro i 15.493,71 euro
  • Cause inerenti le immissioni moleste all’interno dei condomini (ad esempio qualora il vicino di casa avesse un cane che abbia sempre, o tenesse la musica troppo alta durante il giorno o al notte)

  • Cause relative alle modalità d’uso dei servizi del condominio (ad esempio gli sprechi di energia elettrica quando il contatore è comune per tutti i residenti dello stabile)
  • Opposizioni alle multe entro i 15.493,71 euro (nel caso in cui si ritenesse di essere incorsi in una multa non corretta, è possibile rivolgersi al Giudice di Pace per l’annullamento della sanzione)

Come avviene l’udienza con il Giudice di Pace?
  • Quando si vuole presentare un ricorso, innanzitutto bisogna recarsi nell’ufficio del Giudice di Pace competente in base alla propria residenza per esporre la questione

  • Il Giudice di Pace farà mettere tutto a verbale mediante l’atto di citazione che riporta le indicazioni fornite, quali l’oggetto della controversia, le richieste della parte che intenta la causa, le eventuali prove e la presenza dei testimoni
  • A seguire viene stabilita la data dell’udienza, la quale deve essere almeno 30 giorni dopo la notifica dell’atto di citazione

  • Il giorno dell’udienza il Giudice di pace esporrà le questioni in Tribunale di fronte al giudice e quest’ultimo, al termine del giudizio, esporrà la sentenza

  • La parte che vince la causa viene rimborsata, mentre la parte che perde la causa deve pagare le spese di giudizio e le spese legali della controparte


Per abbreviare i tempi, conviene rivolgersi al Tribunale o a un Giudice di Pace?
Qualora voleste presentare un ricorso per le motivazioni sopra segnalate, è consigliabile rivolgersi a un Giudice di Pace per abbreviare i tempi e velocizzare le pratiche. La durata media di un ricorso mediante il Giudice di Pace, infatti, è di soli 340 giorni, meno della metà del tempo rispetto a una causa ordinaria in Tribunale.

Qual è il costo che deve sostenere il cittadino per rivolgersi al Giudice di Pace?
30 euro qualora il valore della causa fosse inferiore i 1100 euro; 70 euro qualora fosse compreso tra i 1100 e i 5200 euro; 170 euro qualora fosse superiore i 5200 euro.